Alleghe ( Àlie in ladino) è un bellissimo paese sul lago omonimo, sviluppatosi, nell’ antichità lungo la sponda sinistra del Torrente Cordevole  che scorreva nel fertile fondovalle: proprio dove oggi possiamo ammirare le placide acque del Lago di Alleghe (lago naturale formatosi a causa delle Frane del Monte Piz nel 1771, che bloccarono il corso del T. Cordevole, in località Masarè).
Il Santo Patrono di Alleghe  è San Biagio e si festeggia il 3 Febbraio.
Il lago di Alleghe - Dolomiti Agordine

Alleghe e il suo lago

STORIA

Il nome Alleghe (secondo gli studi di D. Olivieri G.B. Pellegrini) deriva dal latino Alica ,termine utilizzato per indicare il Triticum spelta, meglio conosciuto come farro spelta (progenitore del grano tenero), coltura diffusa anche tra le nostre montagne, già ai tempi dei Romani.
Alleghe fu legato all’estrazione di ferro dalle Miniere del Fursil di Colle S. Lucia: miniere importantissime per il materiale estratto, perché adatto alla produzione di spade ed armature. Sotto la gestione del Principato di Bressanone , il materiale estratto veniva portato al forno fusorio di Caprile (frazione di Alleghe), dove si producevano i cosiddetti lingotti marchiati con un agnello ( simbolo dei Vescovi di Bressanone).
Spade forgiate nelle fucine di Alleghe

Spade forgiate nelle fucine di Alleghe

Da Caprile i lingotti erano portati nelle fucine e botteghe di Alleghe, dove si forgiavano, appunto, meravigliose armature e spade (esisteva una frazione chiamata Fusine sulla sinistra orografica del torrente Cordevole, distrutta dalla prima frana del 1771 a testimonianza dell’importanza del luogo).

“ Anche nel villaggio di Alleghe, né tempi addietro si fabbricavano e tuttora si fabbricano armi di finissima tempera “ – Cronache Bellunesi inedite di Florio Miari
Ancora oggi, a Caprile, nel centro storico è possibile scorgere “inferriate alle finestre” a ricordo della maestria dell’arte del ferro che caratterizzava tutta la zona. Così scriveva Amelia B. Edwards1 di passaggio a Caprile 2 “sopra la porta d’ingresso, sporge un balcone con la ringhiera in ferro battuto, forgiata secoli fa da un’artista italiano”.
Alleghe e la Val Cordevole di Serena Scardanzan

Alleghe e la Val Cordevole di Serena Scardanzan

IL LAGO E LE MONTAGNE
Il bellissimo lago di Alleghe è incorniciato dal Monte Fernazza a Nord-est e dai monti del massiccio del Civetta : Monte Coldai (2.396 m) e Col Negro (2.246 m) ad est, la Grande Civetta (3.220 m) a Sud e il Monte Piz (1.859 m) a ovest. La sponda destra (orografica) del Lago, lungo la passeggiata ciclo – pedonale che porta alla passerella di Caprile, rientra nel comune di Rocca Pietore: lo specchio d’acqua è quindi “diviso” tra 2 comuni, lungo l’antico confine dove fino al 1771, scorreva il Torrente Cordevole.

COSA FARE AD ALLEGHE

Nella bella stagione vi aspettano tantissime escursioni, a piedi o in mountain- bike: dalle più semplici come il classico giro del lago oppure un tuffo nei verdi prati dei Piani di Pezzè e sui colli di Col dei Baldi alle più impegnative salite ai rifugi: dal Coldai al Tissi e dal Vazzoler al Torrani (impegnativo). Per le vostre vacanze tra  le Dolomiti scoprite anche Dolomiti Supersummer.
Segnaliamo, a Caprile, il bellissimo Sentiero tematico Giosué Carducci .
In inverno, come tutti sanno, lo Ski Civetta rientra nel ormai famosissimo comprensorio sciistico Dolomiti Superski: sci, snowboard, sci di fondo, aree giochi per bambini, scuole di sci e tutto quel che puoi desiderare per la tua famiglia, per una vacanza Sport e Natura!

HOCKEY Forte, a partire dal 1933, il richiamo del ghiaccio: la squadra Alleghe-Hockey, agli arbori, si allenava sul lago ghiacciato (ora non più consentito per questioni di sicurezza); ora, invece, può contare sul nuovo e moderno stadio del ghiaccio “Alvise de Toni”, aperto tutto l’anno.

C.so Italia 36, 32022 Alleghe (BL)
 el.   +39 0437 523333

Affresco a Alleghe – La brenta di Cesaril

La brenta di Cesaril DESCRIZIONE BREVE: l’affresco ricostruisce un angolo scomparso della piccola frazione alleghese di Cesaril. La scenetta con la fontana, il vecchio fienile, i vari personaggi e gli altri elementi ripercorre le sensazioni e il ricordo della proprietaria del dipinto, Lina De Biasio, qui simbolicamente raffigurata nella piccola bimba con le trecce. Suggestivo…

Dettagli

ALCUNI GEOTOPONIMI AGORDINI: GEOLOGIA ANCHE NEI NOMI DELLE LOCALITA’

A cura del Professor Alberto Bertini – Instagram  A volte basta leggere il nome di un luogo per capirne l’evoluzione geologica nel corso dei tempi: è quello che succede con alcune località di montagna dell’Agordino dove gli abitanti hanno voluto evidenziare le caratteristiche legate alla morfologia del territorio. E’ così che oggi possiamo cercare tra…

Dettagli

Sentiero tematico Giosuè Carducci

Nell’estate del 1886 il grande poeta Giosuè Carducci trascorse un periodo di riposo a Caprile e si innamorò dei paesaggi delle Dolomiti Agordine, arrivando a descriverle così, nelle lettere all’amico Giuseppe (pubblicate nelle Memorie di Giosuè Carducci di Giuseppe Chiarini): “…Io sono qua tra le vere Alpi: torrenti alpini veri, al cui strepito mi addormento..…

Dettagli