Bivacco Bedin di R. Bernardi

Bivacco Bedin

Il bivacco Margherita Bedin ( 2.210 m) è considerato uno dei più  belli delle Dolomiti:  si trova su di un pianoro, coperto da un morbido tappeto erboso e offre uno spettacolare panorama a 360 gradi, che spazia sulle rocce dell’ Agner, del Civetta, della Moiazza, del S. Sebastiano …dipinte dai mille colori dell’enrosadira all’alba ed al tramonto.

Il Bivacco è “nato” nel 1977, sulla prima Pala di San Lucano, in comune di Taibon Agordino, per opera del Gruppo Alpinisti Vicentini e su progetto dell’Ing. S. Bedin : un bivacco a ricordo di Margherita, figlia di un socio del gruppo, prematuramente scomparsa durante un’escursione in montagna. Potete leggere la storia del Bivacco cliccando quì .

Pensate che ci vollero ben 7 viaggi in elicottero per trasportare tutto il materiale e il personale addetto ai lavori.

Il Bivacco, per definizione, è sempre aperto ed accessibile: 9 posti letto, acqua poco distante e uno splendido panorama visibile anche dall’interno della  piccola “veranda”.

Salendo al Bedin - R. Bernardi

Salendo al Bedin

Il Bivacco è  raggiungibile solo da Pradimezzo, piccola frazione di Cencenighe Agordino, seguendo segnavia n.764. Passeremo per Casera de Torcol, Casera d’ Ambrusogn per poi, girando verso destra,  seguire segnavia n.765 fino alla Forcella della Besausega, che aprirà le porte al verde prato su cui vi accoglierà il bivacco Bedin.

Nelle vicinanze una caratteristica statua su di un piccolo promontorio…a vegliare sulle Alte Cime che vi circondano.

Bivacco Bedin - R. Bernardi

Bivacco Bedin – R. Bernardi

 

AttenzioneNON PRATICABILE il sentiero della Besausega da Taibon Ag. verso il Bivacco Bedin per i danni dell’incendio e di Vaia.

L’escursione è impegnativa: sono circa 1400 metri di dislivello , percorribili in 4 ore circa.

Foto del nostro bravissimo amico Ricky: seguitelo su Facebook  e su Instagram

Clicca quì per la sua Gallery 

 

“Prima di affrontare qualsiasi percorso o sport in montagna è sempre bene informarsi in loco, circa la percorribilità dei sentieri contattando Uffici Turistici o Gestori di rifugi o Ufficio Guide Alpine.
Accertatevi sempre delle condizioni del percorso ma anche delle condizioni meteo, il tempo in montagna cambia rapidamente e bruscamente , anche in estate con repentini abbassamenti di temperature .
Si raccomanda, sempre e comunque, prudenza e attenzione valutando attentamente le proprie capacità tecniche e fisiche.
Rispettiamo sempre la la Natura : non arrechiamo danni e non disturbiamo gli animali, riportiamo a casa i nostri rifiuti e non lasciamo traccia del nostro passaggio. Si declina ogni responsabilità per fatti derivanti dall’utilizzo delle informazioni contenute nel sito Agordinodoverinasconoledolomiti.it. : le escursioni sono effettuate sotto l’esclusiva responsabilità dei singoli escursionisti.

Sicurezza-in-montagna_declinazione-di-responsabilità