Colle Santa lucia Agordino Dove Rinascono Le Dolomiti

Colle Santa lucia di Marco Tasser

Colle Santa Lucia (Col in ladino) è un meraviglioso paese situato a 1453 metri, circondato dai meravigliosi massicci del Civetta,della Marmolada e del Monte Pelmo. In questo luoghi il tempo sembra essersi fermato, è possibile ancora vedere gli antichi mestieri della fienagione e del pascolo e da qui partono numerose escursioni sulle cime delle Dolomiti Patrimonio dell’Umanità Unesco.

 

Da visitare :

  • La Chiesa di Santa Lucia

  • La Cesa de Jan

  • La “strada della Vena”

La Strada de la Vena o Via del Ferro era la strada che partiva dalle antiche Miniere del Fursil di Colle Santa Lucia e portava ai forni fusori del Castello di Andraz.

Panorama da Colcuc Agordino Dove Rinascono Le Dolomiti

Panorama da Colcuc, frazione di Colle S. Lucia di Marco Tasser

La valorizzazione della lingua è portata avanti dall’Istitut Cultural Ladin Cesa de Jan, con sede nel centro storico del paese che opera nel quadro della legge sulle minoranze linguistiche.

Colle Santa lucia

Colle Santa lucia di Marco Tasser

Scopri altro su Colle Santa Lucia

Lave a cuscino a Colcuc – Colle S. Lucia

A cura del Professor Alberto Bertini – Instagram   Lave a cuscino (pillow lavas) nei pressi della frazione di Colcuc (Colle S. Lucia, Agordino, Belluno, Italia). Queste lave si formano dal raffreddamento rapido di colate vulcaniche sottomarine e possiedono crosta vetrosa.Le effusioni sono legate al magmatismo medio-triassico delle Dolomiti. Nella foto si nota la struttura raggiata.…

Dettagli

La leggenda della Chiesa di Colle S. Lucia

Il capo dei minatori delle miniere del Fursil possedeva, anche, campi di segale e frumento 🌽, per dare sostentamento alla famiglia👨‍👩‍👧‍👦. Sì accorse, pero’, che anche cervi e caprioli mangiavano i suoi raccolti. Decise così di cacciarli di frodo, di notte. Qualcosa colpi’….Ma non un animale. Uccise un uomo🧔 al quale chiese perdono prima della…

Dettagli

Cesa de Jan – Colle S. Lucia

Cesa de Jan (in ladino) dal nome Giovanni, il maggiore dei fratelli Chizzali, che la costruirono, ad inizio del 1600. Caratteristiche le inferriate alle finestre, lavorate con il ferro estratto dalle Miniere del Fursil (Monte Pore). Fu residenza dei Sovraintendenti delle Miniere nonché sede amministrativa delle stesse. Oggi, Casa Chizzali-Bonfadini, nella parte pubblica, ospita l’…

Dettagli