Cencenighe  (Zenzenìghe in ladino) sorge alla confluenza delle valli del Biois e del Cordevole, percorse in lungo dagli omonimi torrenti.

Dal punto di vista turistico, il paese di  Cencenighe vanta una certa vicinanza con gli importanti impianti sciistici dei comprensori di Falcade e di Alleghe, facilmente raggiungibili in pochi minuti di automobile; in estate, invece, si possono effettuare numerosissime escursioni  tra le pendici dei monti Sanson ( o Cima Pape 2.503 m), Pelsa (, Anime (1.138 m) e Spiz de Medodì (2.409 m), che racchiudono la piccola conca dell’abitato.

Nof Filò di Cencenighe Agordino"

Nof Filò di Cencenighe Agordino”

Cencenighe ha una storia antica, si ritiene che fosse già abitato dall’anno 1000 grazie alla presenza sul suo territorio di materie prime minerarie, rame, piombo, ferro e argento e alla grande disponibilità di legno dei boschi che la circondano.

In passato gran parte dell’economia per gli abitanti di Cencenighe è stata legata alle acque ei due torrenti, Biois e Cordevole, che in parte attraversano il paese prima di fondersi e continuare insieme la corsa verso il Piave. La prodigiosa forza delle acque dei due torrenti veniva impiegata per far funzionare fucine, segherie e mulini, che proprio a Cencenighe erano numerosi. Verso la metà del ‘500 erano attive ben 3 fucine e due forni fusori, due segherie e un mulino.

L’attività in cui i cencenighesi erano maestri è quella degli scalpellini: in località “le Foppe”, a monte della frazione di Chioit, i grandi massi di dolomia originati dalla frana dei Mesaroz consentivano un’intensa attività.

Falesia in Agordino - Mesaroz - Cencenighe Agordino Agordino

Falesia in Agordino – Mesaroz – Cencenighe Agordino

Ancora oggi esempi di quest’arte si possono vedere nelle stupende fontane sparse tra le frazioni di Chioit, Bogo e Martin, scolpite interamente a mano nella dura pietra dolomitica dagli scalpellini. Presso la Pro Loco di Cencenighe Agordino è possibile avere la mappa delle fontane e dei capitelli votivi visibili nel piccolo comune.

Antica fontana nella frazione di Chioit - Cencenighe Agordino

Antica fontana nella frazione di Chioit – Cencenighe Agordino di Dario Fontanive

La dura pietra da “le Foppe”, veniva lavorata per la costruzione di scalini, pavimenti, coperti, soglie e tavolini: se fate un giro lungo via Villagrande (la via più antica del Paese) o i Coi, oppure nelle frazioni di Bogo, Pradimezzo, Vare basse noterete tantissimi elementi architettonici di pietra, agli architravi, ai portali, agli scalini alle bordature delle finestre.  A Cencenighe Agordino tutto parla di rocce e di un antico mestiere: possiamo dunque definire Cencenighe – il paese degli scalpellini!

Sembra che la perizia degli scalpellini locali si sia spinta oltre tanto da dare forma a vere e proprie statue come quele che ornano il parco-giarino della Villa Crotta – de’ Manzoni ad Agordo. Sulla base di documenti d’archivio è lecito pensare che in realtà i taiapièra si siano limitati solo ad estrarre le pietre necessarie per ricavare le sculture. Documentata è la fornitura dei materiali dalle cave i Cencenighe, ma non è da escludere la povenienza anche da altre cave dell’Agordino, come quella della località “i Piegn” – San Tomaso.

Testo estratto da Sulle tracce degli scalpellini di Luisa Manfroi

Statue di Villa Crotta De' Manzoni - Agordo foto di Iliana Comina

Statue di Villa Crotta De’ Manzoni – Agordo foto di Iliana Comina

Di questa pietra sono costruiti anche la bella fontana tonda e il pavimento della chiesa di Canale d’Agordo.

Particolare della fontana di Canale d'Agordo

Particolare della fontana di Canale d’Agordo

Nel centro di Cencenighe è presente anche il museo a cielo aperto ” Gli scalpellini di Cencenighe” : i “taiapiera” che un tempo tagliavano le pietre sulle montagne e le trasportavano a valle.

Museo all'aperto "gli Scalpellini di Cencenighe Agordino"

Museo all’aperto “gli Scalpellini di Cencenighe Agordino”

Da non dimenticare un altro importante mestiere al quale i cencenighesi si  dedicarono nel tempo addietro, quello dei carbonai ossia i “produttori” di carbone dalla legna. Di tale attività, ormai abbandonata a tempo, sono rimaste le Iàl, ovvero gli spiazzi nel bosco utilizzati per la combustione della legna: il carbone veniva ricavato con il metodo della disidratazione del legno, attraverso una lenta combustione. A memoria di questo passato è stato creato  “El Troi de le Ial”  o “Sentiero delle carbonaie” sotto il monte Pelsa.

Moltissime sono le testimonianze di antichi sacelli, sparsi un pò ovunque, dove i pellegrini e i viandanti si fermavano a chiedere protezione e trovare conforto spirituale prima di intraprendere o continuare il loro viaggio. La storia i uno di questi sacelli, dall’origine antichissima, ce la racconta Don Ferdinando Tamis nel suo “Le parrocchie dell’Agordino”, pubblicato nel 1949.

Dopo circa un chilometro da Cencenighe, alla testata del ponte della vecchia strada che prosegue lungo la riva destra del Torrente Biois, si trova un grosso macigno appuntito (probabilmente masso dell’antica frana dei Mesaroz), con sulla cima una rozza croce di ferro e vicino, quasi addossato, un tabernacolo. Viene chiamato capitello degli arconi o più comunemente Triol de la cros (capitello della croce).Pare sia stato eretto in memoria di un prete che passano per quel luogo, portando il viatico, morì sepolto da una frana insieme con altre due persone che lo accompagnavano. Si vedono tutt’ora incise nel masso tre croci, a ricordo dell’immane tragedia.

Ricordiamo le origini cencenighesi del famoso pittore Antonio Ligabue: la madre Elisabetta Costa nacque e visse per molti anni Cencenighe prima di emigrare verso la Svizzera.

Antonio Ligabue - Cencenighe Agordino Ed. Turismo Veneto Dario Fontanive

Antonio Ligabue – Cencenighe Agordino Ed. Turismo Veneto Dario Fontanive

Due le mostre dell’Artista Antonio Ligabue presso il Nof Filò, nel 1984 e nel 2005.

 

Ufficio turistico – Pro Loco Cencenighe Agordino

Via XX Settembre, 32020 Cencenighe Agordino BL

prolococencenighe@gmail.com  Tel. 0437 591549

Testo di Dario Fontanive – Cencenighe Agordino – Edizioni Turismo Veneto

Bibliografia – Sulle tracce degli scalpellini di Luisa Manfroi

Valle del Biois – Alta Via dei Pastori

L’Alta Via dei Pastori segue le antiche orme dei pastori che un tempo utilizzavano i prati e i pascoli d’alta quota per le attività agro- silvo pastorali. Una splendida escursione, panoramica sulle più belle cime delle Dolomiti dell’Agordino: Cima Pape, Focobon, Cimon de la Stia, Mulaz ,Cime d’Auta e ancora Civetta Pelmo, Marmolada… Ripercorrete, come…

Dettagli

Estate 2021 – Esperienze ed Eventi in tutto l’Agordino

Quì trovate i riferimenti on – line di tutte le proposte, comune per comune, degli eventi e delle esperienze  organizzati da Pro Loco e/o Consorzi turistici per l’estate 2021. Agordo – Eventi in Conca Agordina Alleghe – Consorzio Operatori turistici Alleghe – Caprile  Canale d’Agordo – Eventi in Val Biois Cencenighe Agordino – Manifestazioni Colle…

Dettagli

Agordino – Raccolta Funghi

L’ Agordino, tra le altre cose, è un territorio ricco di funghi e l’andar per boschi in cerca di questi preziosi tesori quali sono i funghi appunto, è un’attività all’aperto che da tantissime soddisfazioni! La raccolta funghi, in Agordino, è regolamentata dalla Legge Regionale 23/96 , dalla DGR del n. 739/2012 e dai regolamenti dell’Unione…

Dettagli

Eventi – Agordino

Estate 2021 – Il calendario degli eventi ed esperienze in Agordino – dove rinascono le Dolomiti Clicca sul quadratino con la freccia per vedere il calendario con Tantissimi appuntamenti in Agordino – dove rinascono le Dolomiti. ⬇️⬇️⬇️ Cliccando quì troverete i riferimenti on – line di tutte le proposte, comune per comune, degli eventi e delle…

Dettagli

Cencenighe Agordino – El troi de le Iàl o Il sentiero delle carbonaie

A Cencenighe Agordino, oltre al lavoro degli scalpellini, erano famosi i “carbonai” cioè coloro che producevano carbone vegetale tramite combustione della legna. Ricordiamo che fino agli inizi del ‘900 il carbone era molto richiesto in Agordino, sia per le fucine che lavoravano i  minerali sia per le Miniere di Valle Imperina. Di tale attività, abbandonata…

Dettagli

CENCENIGHE AGORDINO – Museo degli scalpellini

Museo degli scalpellini – Cencenighe Agordino Pochi di voi lo sanno, ma a Cencenighe è possibile visitare un museo a cielo aperto: Gli scalpellini di Cencenighe. Nei tempi antichi i cosidetti “Taiapiera” (tagliapietra), cioè coloro che dai grossi massi di Dolomia ( del Serla)  riuscivano a ricavare blocchi più piccoli, salivano ai “Mesaroz”. La zona…

Dettagli

Affreschi in Valle del Biois – La Valle coi Santi alle finestre

La splendida Valle del Biois non è solo una bellissima valle Dolomitica circondata dalle meravigliose cime Patrimonio dell’Umanità Unesco, ma è anche famosa per il grandissimo numero di dipinti murali che si possono ammirare su abitazioni ed edifici, molti dei quali realizzati fin dal 1600 : nei comuni di Falcade, Canale d’Agordo, Vallada, Cencenighe Agordino,…

Dettagli

ALCUNI GEOTOPONIMI AGORDINI: GEOLOGIA ANCHE NEI NOMI DELLE LOCALITA’

A cura del Professor Alberto Bertini – Instagram  A volte basta leggere il nome di un luogo per capirne l’evoluzione geologica nel corso dei tempi: è quello che succede con alcune località di montagna dell’Agordino dove gli abitanti hanno voluto evidenziare le caratteristiche legate alla morfologia del territorio. E’ così che oggi possiamo cercare tra…

Dettagli